Regione Veneto

Seguici su:

Esplora contenuti correlati

Imposta di Soggiorno

Descrizione del servizio

Imposta di soggiorno

Il presupposto dell’imposta è il pernottamento delle persone fisiche (non residenti) nelle strutture ricettive nel territorio comunale.
L'imposta è dovuta per il periodo stagionale dal 01/06 al 31/08 .

Imposta di soggiorno online

E' stato predisposto un PROGRAMMA  per la gestione delle dichiarazioni e dei pagamenti dell'imposta.
CLICCA QUI  per accedere al programma .

IMPOSTA anno 2017:
Con delibera di G.C. n. 154 del 17/11/2016 sono state modificate le tariffe dell’imposta di soggiorno anno 2017. L’efficacia di tale delibera è SOSPESA, per il 2017, per effetto delle disposizioni della legge di bilancio 2017 n. 232/2016 (G.U. n.297 del 21/12/2016). Lo stesso vale per le modifiche al regolamento comunale avvenute con delibera di C.C. n. 69 del 22/12/2016. 
Per l’anno 2017 RIMANGONO quindi IN VIGORE LE TARIFFE E DISPOSIZIONI REGOLAMENTARI DELL'ANNO 2016.


DICHIARAZIONE MENSILE DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO:
La dichiarazione dovrà essere compilata MENSILMENTE a cura dei gestori delle strutture ricettive ed inviata al Comune entro la fine del mese successivo a quello di riferimento (es. dichiarazione del mese di maggio entro il 30/06). L'invio può avvenire mediante procedura telematica (pec o mail) oppure cartacea (sportello comunale nei giorni di apertura al pubblico o via fax 0421/234150).

RIVERSAMENTO DELL'IMPOSTA AL COMUNE:

I gestori delle strutture ricettiva dovranno riverseranno l'imposta di soggiorno incassata dai clienti al Comune entro la fine del mese successivo a quello di riferimento (es. mese di giugno pagamento entro il 31/07) mediante una delle seguenti modalità:
a)  bonifico IBAN: IT25F030 6936 2831 0000 0046 226  Codice SWIFT (BIC) Banca di Appoggio: INTESA SANPAOLO SPA- Agenzia di San Donà di Piave (VE), C.so S. Trentin, 84 beneficiario: COMUNE DI ERACLEA, Piazza Garibaldi 54, 30020 ERACLEA (VE) P.IVA 00861310274 - COD. FISC. 84002090276;
b) pagamento diretto presso gli sportelli bancari della Tesoreria comunale Intesa San Paolo  sede di Eraclea;
c) pagamento mediante bollettino postale sul c/c 15380306 intestato al COMUNE DI ERACLEA causale "imposta di soggiorno"

ESENZIONI 
Ai sensi dell'art.4 del regolamento sull'imposta di soggiorno sono esenti:

  • Gli iscritti all’anagrafe del Comune di Eraclea;
  • i minori fino al dodicesimo anno di età e gli ultra settantenni. Per l’esenzione farà fede la data di arrivo presso la struttura ricettiva;
  • I volontari che, nel sociale, offrano il proprio servizio nel territorio comunale in occasione di eventi e manifestazioni organizzate dall’Amministrazione Comunale, Provinciale e Regionale  o per emergenze ambientali ed umanitarie;
  • Gli appartenenti alle forze di polizia, statali e locali, nonché del corpo nazionale dei vigili del fuoco, che soggiornano per motivi di servizio;
  • Gli autisti di pullman, gli accompagnatori turistici che prestano attività di assistenza a gruppi organizzati da agenzie di viaggi e turismo;
  • I diversamente abili non autosufficienti e un loro accompagnatore;
  • Dipendenti diretti ed indiretti della struttura ricettiva, titolari e il proprio nucleo familiare, gestori;
  • Chi soggiorna nel periodo compreso tra il 1° settembre e al 31 maggio.

Ufficio di competenza  

Referenti Ufficio:
- Rag. Roma Eva istruttore direttivo ufficio tributi tel. 0421/234190,
- Rag. Crosera Sabrina istruttore amministrativo tel. 0421/234140,
- Geom.  Battello Giovanna istruttore amministrativo tel. 0421/234284.

Il funzionario responsabile del tributo è la dott.ssa Angileri Antonella.

Modulistica

Tariffe applicate

Le tariffe approvate nel 2013 sono valide anche per l'anno 2017

Rendicontazione alla corte dei conti - Modello 21

La Corte dei Conti – Sezione Regionale di Controllo per il Veneto n. 19 del 09/01/2013, equipara i gestori di strutture ricettive agli “agenti contabili di fatto”. Da ciò ne deriva che i gestori delle strutture ricettive in relazione all’imposta di soggiorno sono soggetti all’attività di vigilanza dell’Amministrazione Comunale e anche al controllo giurisdizionale della Corte dei Conti, con nuovi e ulteriori oneri e responsabilità anche penali. I gestori sono tenuti a presentare il conto della propria gestione mediante l’utilizzo dell’apposito modello ministeriale (mod. 21), approvato con D.P.R. 194/1996.
Tale modello contiene: il periodo, l’oggetto, gli estremi della riscossione e gli estremi di riversamento delle somme di denaro nel conto di tesoreria del Comune. Esso deve essere trasmesso al Comune entro  il 31/01 per il successivo inoltro alla Corte dei Conti.

Data ultima modifica: 10 Feb 2017
Approfondimenti
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto