Regione Veneto

Seguici su:

Esplora contenuti correlati

Contenimento epidemia di Rabbia Silvestre

Il 31.03.2010 si è conclusa la campagna di vaccianzione antirabbica d'emergenza dei cani di proprietà residenti nel Comune di Eraclea. Occore precisare, come ribadito con nota della Regione Veneto prot. n. 189123 del 06.04.2010, che:

  1. permane l'obbligo della vaccinazione antirabbica pre-contagio per utti i cani che si recano, anche temporaneamente nei territori a rischio di cui all'allegato B dell'OPGR 251/2009; tale vaccinazione deve essere effettuata almeno 21 giorni prima della movimentazione;
  2. a partire dal 01.04.2010 non sarà più applicata la tariffa "calmierata" di € 5,00 per la vaccinazione suddetta e la stessa dovrà essere effettuata da un veterinario libero professionista; 
  3. il mancato riscontro dell'avvenuta vaccinazione (attestata mediante il possesso del modulo firmato dal veterinario rilasciato in fase di attivazione o, in alternativa, l'indicazione dell'avvenuta vaccinazione  sul passaporto del cane) comporterà l'applicazione di una  sanzione amministrativa che va da un minimo di € 1.550,00 ad un massimo di € 9.300,00 .

Dal 9 al 23 aprile 2010 è stata effettuata nel nostro territorio, da parte dei servizi veterinari, la seconda distribuzione di esche vaccinali antirabbiche orali per le volpi.

La dispersione delle esche vaccinali per le volpi è stata fatta in aree non abitate (campagna, boscaglia, ecc...) attraverso l'ausilio di mezzi aerei.

ATTENZIONE :

  1. l'escha è a forma di parallelepipedo di circa 4 cm, di colore scuoro, costituita da grasso animale e farine di pesce inglobante una capsula contenente un vaccino antirabbico vivo attenuato allo stato liquido (foto esca);
  2. il contenuto dell'esca è innocuo per gli animali domestici e selvatici (si consiglia però di tenere gli animali domestici lontani dalle zone di dispersione delle esche);
  3. l'esca con il vaccino antirabbico vivo attenuato è innocua per l'uomo purchè la capsula sia integra;
  4. è importante che le esche non vengano manipolate da persone, qualora le esche venissero toccate è raccomandabile lavare abbondantemente le parti venute a contatto con acqua e sapone ed evitare di strofinarsi le mucose degli occhi e del naso e rivolgersi al Dipartimento di Prevenzione dell'AULSS 10 (tel. 0421/228172) o ai Pronto Soccorso Ospedalieri di Jesolo, San Donà di Piave e Portogruaro;
  5. segnalare le esche in prossimità di case o zone abitate ai Servizi Veterinari ai seguenti numeri 0421/396800 per la zona del Portogruarese, 0421/228151 per la zona Sandonatese.

Chiunque avvisti animali morti o con comportamenti sospetti e’ tenuto ad avvisare il Servizio Veterinario dell’ASSL 10 “Veneto Orientale” o il Comune di Eraclea.

Data ultima modifica: 27 Dec 2016
torna all'inizio del contenuto