Regione Veneto

Seguici su:

Esplora contenuti correlati

Piano delle Acque

Il Piano delle Acque è uno strumento previsto dal Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) approvato dalla Regione Veneto con delibera di Giunta regionale n. 3359 del 30.12.2010.

I contenuti principali del Piano delle Acque sono:

  • integrare le analisi relative all’assetto del suolo con quelle di carattere idraulico e in particolare della rete idrografica minore;
  • acquisire,  anche  con  eventuali  indagini  integrative, il rilievo completo della rete idraulica di prima raccolta delle acque di pioggia a servizio delle aree già urbanizzate;
  • individuare,  con  riferimento  al  territorio  sovracomunale,  la  rete  scolante  costituita da fiumi e corsi d’acqua di esclusiva competenza regionale, da corsi d’acqua in gestione ai Consorzi di bonifica, da corsi d’acqua in gestione ad altri soggetti pubblici, da condotte principali della rete comunale per le acque bianche o miste;
  • individuare altresì i capifosso privati, di interesse particolare o comune a più fondi, che indicano che incidono maggiormente sulla rete idraulica pubblica e che pertanto rivestono un carattere di interesse pubblico;
  • determinare l’interazione tra la rete di fognatura e la rete di bonifica;
  • individuare le misure per favori l'invaso delle acque piuttosto che il loro rapido allontanamento per non trasferire a valle i problemi idraulici;
  • recepire le valutazioni e le previsioni del competente Consorzio di Bonifica in ordine ai problemi idraulici  del  sistema di  bonifica  e  le  soluzioni  dallo  stesso  individuate nell’ambito del  bacino idraulico.
  • individuare apposite “linee guida comunali” per la progettazione e realizzazione dei nuovi interventi edificatori che possano creare un aggravio della situazione di “rischio idraulico” presente nel territorio (tombinamenti, parcheggi, lottizzazioni ecc…).

In data 25 novembre 2013, l'Amministrazione ha incaricato il  Consorzio  di  Bonifica del Veneto Orientale alla predisposizione del Piano al fine di:

  • individuare  le  principali  criticità  idrauliche  dovute  alla  difficoltà  di  deflusso  per carenze della rete minore e le misure da adottare per l'adeguamento della suddetta rete  minore  fino  al  recapito  nella  rete  consorziale,  da  realizzare  senza  gravare ulteriormente sulla rete di valle;
  • individuare i criteri per una corretta gestione e manutenzione della rete idrografica minore, al  fine  di garantire nel tempo la perfetta efficienza idraulica di ciascun collettore.

Con  determina  della  Provincia di Venezia nr. 4208 in data 30.12.2013 è stato approvato lo schema di protocollo operativo che regolamenta i rapporti tra Provincia e Comune al fine della realizzazione del Piano.

Lo sviluppo del Piano delle Acque, propedeutico al primo PI, è articolato in due fasi:

Fase uno - primo livello di approfondimento: raccolta di dati storici e bibliografici, verifica di tutte le informazioni disponibili di carattere territoriale, inquadramento legislativo e programmatico, indagine conoscitiva, individuazione delle competenze amministrative, individuazione dei principali problemi idraulici, individuazione di possibili sinergie tra obbiettivi idraulici e obbiettivi di riqualificazione e rinaturazione ambientale ed ecologica urbana ed infine individuazione di apposite "Linee Guida Comunali";

Fase due - secondo livello di approfondimento: ricognizione delle principali reti fognarie, analisi della criticità e dei valori esistenti a livello ambientale, paesaggistico e fruitivo, perimetrazione delle aree afferenti, predisposizione di modellazione idraulica, individuazione degli interventi di Piano, ipotesi di gestione e inserimento in un Sistema Informativo Territoriale.

In data 05 giugno 2014, prot. n. 11571/2014 il Consorzio di Bonifica del Veneto Orientale ha concluso la 1^ fase del Piano delle Acque. La prima fase è stata adottata con Delibera di Consilgio Comunale nr. 40 del 12/08/2015. 

In data 31/10/2016, il Consorzio di Bonifica del Veneto Orientale ha concluso la 2^ fase del Piano delle Acque.
Con Delibera di Giunta Comunale nr. 143 del 03/11/2016 è stato adottato il Piano delle Acque (1^ e 2^ fase).

Il Piano delle Acque dovrà essere sottoposto al Consiglio Comunale per l'approvazione.

Ufficio di competenza

Data ultima modifica: 19 Jan 2017
torna all'inizio del contenuto