Regione Veneto

Seguici su:

Esplora contenuti correlati

HERACLIA - Le origini di Eraclea

Paoluccio Anafesto

Ancora prima dell'arrivo dei romani nella zona (186 a.C.), l'attuale territorio di Eraclea era ricoperto dalle acque della laguna, da cui affioravano molti isolotti. Tra questi primeggiava per importanza e grandezza, l'isola di Melidissa, il cui toponimo rimane tuttora oscuro.

Alla successiva dominazione romana, seguirono orde barbariche che travolsero la terraferma veneta, evitando la laguna. Tra il 638 e il 640 d.C. i nobili di “Opitergium” (Oderzo), guidati dal vescovo San Magno , furono costretti da Rotari , re dei Longobardi, a lasciare la città e a trasferirsi nell'isola di Melidissa, cambiandone il nome in quello di “Heraclia ”, in onore dell’imperatore bizantino Eraclio.

Alla metà del VII sec. Eraclea era una città ricca e densamente popolata, tanto da far decidere che le redini del governo di tutte le isole fossero affidate ad un unico capo: il Doge. il primo seggio fu così assegnato nel 697 d.C. al Doge Paolo Lucio Anafesto, cittadino di Eraclea, 





Data ultima modifica: 10 Jan 2017
torna all'inizio del contenuto